PUBBLICAZIONI | DOMINUS LUCIS

Dominus Lucis

Una storia dimenticata che emerge dalle nebbie del tempo, lenta come i colori durante l'alba, per poi esplodere e ribollire, fino ad assumere le tinte cariche della passione, del potere, del tradimento. La storia di Sante Cascese Bentivoglio viene strappata da questo romanzo dall'immeritato oblio in cui è stato confinato per secoli. Un debito finalmente ripagato a uno straordinario protagonista che affascina e incanta fin dal suo primo apparire.


Novembre 1435. Da Poppi, nel casentino, un bambino rimasto orfano viene condotto a Firenze, per lavorare da un lanaio. Nello stesso momento del suo arrivo, dalla città esce Antonio Bentivoglio: dopo un esilio durato quindici lunghi anni ritorna in patria, a Bologna. Si sfiorano, si guardano, si allontanano, ognuno per la sua strada. Quel bambino, Sante il suo nome, è intelligente, carismatico e inquieto; con grande determinazione sopravvive e impara, conosce un po’ di mondo, imposta il suo futuro. A Bologna, uno dopo l’altro i Bentivoglio cadono vittime di congiure, resta solo Giovanni II, di soli tre anni. Il popolo si dispera, si cerca una soluzione di governo per contrastare il papa e i Visconti che si contendono da sempre la città. Nell’ora più buia, un segreto viene svelato: Ercole, fratello di Antonio Bentivoglio, aveva un figlio illegittimo, figlio di una donna che aveva molto amato, a Poppi. È Sante, che ignaro di quello che sta per succedere, continua a provare le diverse strade della sua vita. I bolognesi chiedono aiuto a Cosimo de’ Medici e a Neri Capponi, e quando a Sante, nemmeno ventenne, vengono svelate le sue vere origini, prende tempo. Solo dopo una combattuta riflessione accetta la sua discendenza e parte per Bologna per essere il suo Signore, fino al ventunesimo anno di Giovanni II. Luci e ombre, politica e omicidi, guerre, congiure e un immenso amore, si alternano nella vita di Sante Cascese Bentivoglio, un orfano che conquistò una città divisa e sanguinaria e imparò ad amarla oltre ogni cosa, rendendola grande.